Fortuna o tecnica? Cosa serve per vincere alla roulette?

Tra i numerosissimi giocatori che si possono incontrare nelle chat delle roulette dal vivo si possono notare tantissime tipologie di approccio al gioco. C’è chi gioca sempre e soltanto i propri numeri o quelli della propria famiglia (date di nascita, anniversari ecc.), chi gioca i propri numeri fortunati, chi gioca i numeri delle date odierne e così via. Al contrario c’è anche chi gioca in modo più tecnico, cambiando zone in base alla statistica e persino chi compra in continuazione nuovi libri sulle tecniche della roulette. C’è ovviamente anche chi non appartiene a nessuna delle precedenti categorie ma si pone in una zona grigia. Ad esempio, vi è chi gioca in modo tecnico, ma non proprio. Ad esempio, giocando sempre sulla stessa zona, con qualche variazione in base alle statistiche dei numeri caldi e freddi.

Qual è il miglior modo di giocare alla roulette?

C’è chi considera la roulette un gioco “magico”. Solitamente, chi appartiene a questa categoria, tende per lo più a giocare i propri numeri per scaramanzia. Oppure, a divertirsi perché tanto ogni giro è un nuovo giro.

C’è invece chi considera la roulette un campo in cui si mescolano matematica, statistica e persino fisica. Chi appartiene a questa categoria solitamente segue delle metodologie di gioco conosciute, oppure ne crea di proprie.

Strategie per la roulette

A tal proposito, è bene evidenziare che sul nostro sito, a partire dalla homepage, trovate collegamenti verso numerose strategie di roulette molto conosciute. Ad esempio, il metodo D’Alembert, uno dei più famosi. E che dire di Fibonacci, il famoso matematico italiano?

Altre due metodologie molto conosciute sono quelle di Parlay e Labouchere. Non ci si meravigli se sono francesi, poiché il gioco della Roulette si è sviluppato principalmente in Francia, a partire dalla sua invenzione “ufficiale”.